Medicina dello sport

La medicina dello sport

si occupa della prevenzione e del trattamento delle patologie associate all'attività fisica di tipo sportivo.

 

Il medico dello sport
si occupa di certificare l'idoneità alla pratica sportiva agonistica e non agonistica e può effettuare test e valutazioni per identificare eventuali problematiche legate allo sport o che possono sconsigliarne la pratica, ad esempio disturbi cardiaci.

Inoltre individua e tratta eventuali lesioni muscolari o tendinee legate alla pratica sportiva.

Cura la preparazione atletica e gli aspetti ad essa connessi ad esempio la nutrizione, le tabelle di allenamento ,la determinazione del metabolismo basale ecc

 

Visita medico sportiva non agonistica

è prevista per tutte le attività sportive svolte dai tesserati e organizzate dal CONI, da società sportive affiliate alle Federazioni sportive nazionali (FIGC, FIN, FIT, FIPAV, etc); le Discipline associate (FASI per l’arrampicata sportiva, per esempio); gli Enti di promozione sportiva riconosciuta dal Coni (CSI, PGS, UISP, CUSI, etc) o gli organi scolastici nell’ambito delle attività parascolastiche.

Durante la visita oltre la misurazione della pressione , viene effettuato ECG a riposo.

 

Visita medico sportiva agonistica

è prevista per le attività sportive praticate come membri tesserati a una Federazione sportiva o Ente sportivo riconosciuti dal Coni e praticate in maniera continuata con la partecipazione regolare a gare e incontri agonistici.

È prevista una visita generale; valutazione antropometrica; spirometria; ECG basale, ECG dopo sforzo (test di Master o ciloergometro); esame delle urine.

 

Per le donne dai 50 anni in su e per gli uomini dai 40 anni in su, per il rilascio del certificato agonistico è necessario che prima effettuare il test da sforzo su cicloergometro: un esame strumentale che consiste nell’effettuare un elettrocardiogramma durante l’esecuzione di uno sforzo fisico stabilito.